vai direttamente al contenuto principale
Comune di Cepagatti

Comune di Cepagatti

  • PDF
  • Stampa

Cepagatti, domenica 14 dicembre consultazione popolare su via delle Contrade

Votazione Utente: / 1
ScarsoOttimo 

 

 

 

COMUNE DI CEPAGATTI

Provincia di Pescara

 sito web www.comunecepagatti.it

 

 

 

Cepagatti, domenica 14 dicembre consultazione popolare su via delle Contrade

 

 

L'Amministrazione Comunale di Cepagatti, guidata dal sindaco Sirena Rapattoni, ha indetto una consultazione popolare per decidere in merito alla sistemazione di via delle Contrade. La consultazione si terrà domenica prossima, 14 dicembre, dalle ore 8 alle ore 16 presso il seggio appositamente costituito nei locali del Centro per Anziani di via Sant’Agata di Cepagatti.

 

Il progetto preliminare per la sistemazione della strada è stato approvato dal Consiglio Comunale di Cepagatti il 30 settembre scorso e prevede lavori, per un importo di circa 200mila euro, che comporterebbero l'allargamento della carreggiata, che resterebbe a doppio senso,  e il taglio di circa trenta alberi di vario tipo. Per salvaguardare buona parte degli alberi, l'alternativa sarebbe di  istituire  un senso unico, a salire o a scendere, modificando l'attuale viabilità e le abitudini dei residenti.

L'Amministrazione Comunale pertanto, visto e richiamato l'articolo 32 del vigente statuto che dispone la possibilità da parte del consiglio e della giunta comunale di consultare i cittadini, nelle forme ritenute più idonee su provvedimenti di loro interesse, ha deciso di indire la consultazione popolare che riguarderà i residenti delle vie  Cantò, Del Feudo e Casanova che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età alla data del 30 novembre scorso. Nel quesito, espresso  su una scheda predisposta e vidimata dagli uffici comunali, i cittadini dovranno riportare una preferenza scegliendo una delle due soluzioni: o il doppio senso o il senso unico, con la precisazione sulla direzione di marcia, se a scendere o a salire.

Lo scrutinio verrà effettuato, nella stessa data della consultazione, in seduta pubblica, con inizio alle ore 16.30. presso il seggio stesso.

“Visto che abbiamo questo strumento” - spiegano il sindaco Sirena Rapattoni e il vice sindaco, Domenico Di Meo - “ il consiglio comunale ha  deciso democraticamente di far esprimere i residenti della zona, nel rispetto delle loro esigenze di spostamento. La proposta che riceverà la maggioranza dei voti verrà adottata al termine dei lavori di sistemazione della strada. Invitiamo, pertanto, tutti i cittadini interessati a recarsi al seggio, domenica prossima, per decidere direttamente su una questione che li interessa da vicino”.

 

Cepagatti, 8 dicembre 2014

Per INFO: 3272817310

 

  • PDF
  • Stampa

Gioco d'azzardo, il Comune di Cepagatti lancia il progetto "Stop the Game"

Votazione Utente: / 1
ScarsoOttimo 

 

 

 

 

 

 

COMUNE DI CEPAGATTI

Provincia di Pescara

 sito web www.comunecepagatti.it

 

 

 

Gioco d'azzardo, il Comune di Cepagatti lancia il progetto "Stop the Game"

Un' indagine per studiare l'entità del fenomeno e  poi intervenire

 

 

Sarebbero circa 600 le persone affette da dipendenza da gioco presenti sul territorio di Cepagatti. Il dato è stato reso noto stamani in Provincia, a Pescara, dall'assessore  alla Sanità del Comune di Cepagatti, Camillo Sborgia, nel corso della presentazione dell'iniziativa "Stop the Game", messa in campo dall'amministrazione civica per combattere le ludopatie e realizzata in convenzione con  l'associazione no-profit "Collegamenti" che cura progetti rivolti alla persone con finalità culturali, sociali e assistenziali. La stima del fenomeno sul territorio di Cepagatti si evince da un dato nazionale, in base al quale il 6% della popolazione di ciascun territorio è affetta da questo disturbo.

 

"Il gioco è un'emergenza sociale che tocca molte famiglie" - ha spiegato in conferenza stampa l'assessore Sborgia. "Per questo motivo l'amministrazione comunale ha deciso di correre ai ripari agendo su due fronti: quello della prevenzione, soprattutto tra i giovani, e quello dell'aiuto ai giocatori abituali. Tutto ciò avverrà in forma gratuita e nel rispetto della privacy, grazie alla collaborazione con l'associazione Collegamenti".

Il progetto "Stop the Game" prenderà il via il primo gennaio prossimo, avrà la durata di 12 mesi  e sarà articolato in tre fasi: indagine demografica, prevenzione e informazione e, infine, intervento sul territorio.

"La novità principale sarà quella dell'indagine demografica che attueremo quantificando le offerte di gioco presenti sul territorio e realizzando interviste strutturate in forma anonima"- ha detto il dottor Antonio Maccarone, dell'associazione Collegamenti. "In questo modo riusciremo a fotografare in maniera circostanziata il fenomeno su Cepagatti e otterremo dati certi. In seguito andremo ad incontrare giovani e ragazzi, dai 14 ai 20 anni, nei loro luoghi di aggregazione per spiegare che si può giocare, ma rimanendo entro certi limiti. Attiveremo uno sportello che sarà aperto  tre ore la settimana per accogliere le segnalazioni di chi è affetto da questo disturbo. A queste persone offriremo la possibilità di partecipare a quattro incontri gratuiti in una sede anonima, per evitare la paura di essere visti o giudicati dagli altri. Verrà istituito anche un portale informatico che conterrà un questionario di autovalutazione e la possibilità di chiedere, attraverso la chat o un indirizzo mail, un incontro con la nostra associazione. Sarà attivo, infine, tutti giorni dalle 8 alle 20, un numero telefonico, il 333.9515430, attraverso il quale saranno raccolte dall'associazione richieste di aiuto".

I dati ufficiali che evidenziano la gravità del fenomeno della dipendenza da gioco d'azzardo sul territorio nazionale sono stati elencati dal dottor Moreno Di Pietrantonio, responsabile dell'area ludopatie del Ser.D. di Pescara.

Si stima che siano già 800.000 i giocatori malati. Per curare questo disturbo,  lo Stato sostiene un costo di 6-7 miliardi di euro l'anno ma le entrate che provengono dal gioco d'azzardo sono di poco più consistenti, circa 8 miliardi. I giocatori abituali sono circa 15 milioni, di cui 2 milioni a rischio. L'industria del gioco d'azzardo, in Italia, è al terzo posto con 5.000 aziende e 12mila addetti, 400.000 slot machine, 6.181 punti autorizzati. In Abruzzo, in base al dato ufficiale fornito da Lottomatica, si registra una spesa pro capite di 2.100 euro l'anno per giocare, una cifra che fa piazzare la regione in cima alla classifica nazionale. La città più colpita è Teramo, seguita da Pescara.

 

"E' un tumore che si sta radicando, c'è gente che gioca continuamente, anche di notte, chiusa in casa con il telefonino, e c'è chi si gioca davvero tutto, ma si può guarire" - ha affermato Di Pietrantonio. "Ecco perché è importante l'azione di prevenzione e contrasto che sta attuando il Comune di Cepagatti, gratuita per gli utenti. In ogni comunità sono i sindaci e gli assessori ad essere contattati per primo da chi si trova in difficoltà economiche, da chi ha un familiare che non ha più la capacità di controllarsi. A Cepagatti ci sarà l'opportunità di avere un primo contatto per liberarsi dalla dipendenza da gioco d'azzardo e intraprendere un percorso per tornare a una condizione di normalità”.

 

Cepagatti, 9 dicembre 2014

 

Per INFO:

3272817310

 

 

  • PDF
  • Stampa

Randagismo, al via la convenzione tra il Comune di Cepagatti e l'associazione Dog Village di Montesi

 

 

 

COMUNE DI CEPAGATTI

Provincia di Pescara

www.comunecepagatti.it

 

 

 

 

Randagismo, al via la convenzione tra il Comune di Cepagatti e l'associazione Dog Village di Montesilvano

 

 

Il Comune di Cepagatti si attiva concretamente per contrastare il fenomeno del randagismo, e lo fa attraverso una convenzione stipulata dall'Amministrazione, guidata dal sindaco Sirena Rapattoni con il Dog Village, l'associazione di Montesilvano presieduta da Maria Carmela Bellini. L'accordo, della durata di un anno, stabilisce che l'associazione collabori con il servizio veterinario della Asl nella cattura dei cani e nelle attività di vigilanza sanitaria, garantendo un soggiorno temporaneo nella struttura del Dog Village di quei cani (in un numero massimo di 15)  in attesa di adozione e non idonei ad essere riportati sul territorio. I volontari del Dog Village avranno inoltre il compito di mettere in pratica ogni intervento necessario per la cura e la salute degli animali accolti, a partire dall'adozione.

 

La convenzione prevede anche una collaborazione con l'amministrazione comunale nel censimento dei cani sprovvisti di microchip con il supporto delle guardie zoofile e la promozione  di due campagne di sensibilizzazione sull'importanza dell'anagrafe canina, della sterilizzazione e del possesso responsabile degli animali.

L'associazione dovrà anche inviare semestralmente al Comune una relazione sulle attività prestate, corredata da una scheda relativa ai cani presi in carico, e favorire l'adozione di quelli provenienti da Cepagatti, anche se ospitati presso altre strutture. 

"Attraverso la collaborazione con il Dog Village cercheremo di contenere il fenomeno del randagismo che è degradante sia per la comunità che per l'immagine del territorio, oltre ad essere potenzialmente pericoloso per l'igiene e la sicurezza pubblica" - spiega l'assessore alla Sanità, Camillo Sborgia. "Abbiamo infatti predisposto che gli animali vengano sottoposti alle opportune cure medico-veterinarie, che sia attuato un programma di prevenzione e profilassi igienico-sanitaria e che si provveda infine al ricovero, al successivo sostentamento e alla tutela dei randagi raccolti sul territorio. I cani non sono recuperati per restare per sempre nei canili ma ne viene favorita l'adozione affinché trovino chi se prenda cura".

 

 

Cepagatti, 26 novembre 2014

 

 Info:

3272817310

 

  • PDF
  • Stampa

Il sindaco di Cepagatti: “Accoglieremo in Comune il finanziere che ha salvato una famiglia”

 

 

 

 

                                  CITTA’  DI  CEPAGATTI

(Provincia di  Pescara)

 

 

 

 

Il sindaco di Cepagatti: “Accoglieremo in Comune il finanziere che ha salvato una famiglia”.

 

“L'eroico gesto compiuto da Francesco Giampietro rende la comunità di Cepagatti particolarmente orgogliosa. Sarò felice, al suo ritorno in città, di accoglierlo in Comune insieme a tutta l'amministrazione comunale per abbracciarlo e fargli sentire l'affetto e l'ammirazione che è giusto tributargli”.  E' il commento del sindaco Sirena Rapattoni alla notizia dell'assegnazione del premio nazionale “Luigi Calabresi” all'appuntato Francesco Giampietro, il coraggioso finanziere originario di Cepagatti, in servizio presso la Compagnia di Prosecco, che ha soccorso e tratto in salvo, nel febbraio del 2012, una famiglia di tre persone  rimasta intrappolata in un camper che si era ribaltato a causa del forte vento di bora.

Al militare sono stati consegnati una targa d'argento e il diploma di Benemerenza, nell'ambito del 24° “Memorial Day",  che si è svolto a Milano in onore dei magistrati vittime della mafia e del terrorismo.

Giampietro è stato premiato per essere riuscito a salvare le tre persone in difficoltà nonostante la grave situazione di pericolo, causata sia dalle avverse condizioni meteorologiche sia dalla possibilità che il carburante fuoriuscito dal mezzo e la bombola del gas metano, che si era staccata dal vano cucina, prendessero fuoco. Nell'azione  il militare è rimasto ferito e ha riportato anche un assideramento della mano sinistra.

“Il nostro concittadino ha dimostrato un alto senso del dovere e un forte altruismo, nonostante il suo intervento fosse molto rischioso” - conclude il sindaco Rapattoni. “Un gesto chedovrebbe servire da esempio a tutti e ricordare quanto sia difficile e impegnativo il compito delle forze dell'ordine che sono sempre in prima linea per garantire il rispetto della legalità e la nostra sicurezza".

 

Cepagatti, 21 novembre 2014

Per info: 3272817310

  • PDF
  • Stampa

A Cepagatti un campo polivalente a norma per giovani e studenti in un'area da riqualificare

Votazione Utente: / 2
ScarsoOttimo 

 

 

 

COMUNE DI CEPAGATTI

Provincia di Pescara

 sito web www.comunecepagatti.it

 

 

Il vice sindaco Di Meo: "A Cepagatti un campo polivalente a norma per giovani e studenti in un'area da riqualificare".

 

"Il campo polivalente che si andrà a realizzare a Vallemare di Cepagatti sarà perfettamente a norma. Inoltre, nella parte prospiciente via Vittorio Veneto, sarà realizzato anche un parcheggio”. La precisazione è del vice sindaco di Cepagatti, Domenico Di Meo, in merito ad una presa di posizione della consigliera dell'opposizione, Antonella Paolini, che ha definito l'opera indeguata e costosa.

“La consigliera evidentemente non ha visionato il progetto” - prosegue Di Meo. "Parla di opere faraoniche mentre l'intervento prevede 105.000 euro per gli espropri di terreni e fabbricati, 200.000 euro di lavori e 45.000 euro per eventuali imprevisti, a cui si aggiungono l'IVA al 10% sull'importo dei lavori e le spese tecniche. Bisogna inoltre considerare che sulla stessa via Vittorio Veneto, a meno di 100 metri dall'area in questione, c'è un plesso scolastico, privo di strutture adeguate per l'attività motoria degli alunni, che ospita quotidianamente circa 70 bambini che potrebbero pertanto usufruire del nuovo impianto sportivo per sopperire a questa carenza. Il campetto della parrocchia di S.Martino al quale fa riferimento la consigliera dell'opposizione quale alternativa al campo polivalente, oltre a non essere di proprietà comunale, è decentrato, di dimensioni limitate, non ampliabile e con accesso pericoloso".

Il campo polivalente regolamentare sarà realizzato sull'area che si libererà dopo l'abbattimento di un edificio fatiscente, la cui condizione mette a rischio l'incolumità degli abitanti. "Nella zona del centro storico, infatti, c'è una situazione di grave pericolo per i residenti, imputabile ad un caseggiato, ridotto ormai a rudere cadente. Il problema non è di facile soluzione perché parte dei proprietari dell'edificio risiede all'estero da moltissimi anni; questa lontananza ne ha impedito finora la demolizione in quanto i comproprietari, residenti a Cepagatti, non intendono accollarsi l'intero onere delle spese" - continua. "L'amministrazione comunale ritiene che l'esproprio del manufatto e la sua successiva demolizione siano divenuti improrogabili per ovvie ragioni di sicurezza dei cittadini e per la situazione di degrado del contesto urbano. Nell'area che ne risulterà realizzeremo una piazza e il campo polivalente certamente funzionali per Vallemare, che è interessata da un notevole sviluppo urbano. Queste strutture favoriranno occasioni di aggregazione per la gioventù locale e anche tra i cittadini residenti. Vallemare paese di anziani?" - conclude il vice sindaco. "Riteniamo che gli abitanti di questa frazione guardino con fiducia al futuro, i giovani non sono un problema ma una risorsa! ".

 

Cepagatti, 21 novembre 2014

Per info:

3272817310

IN ALLEGATO FOTO DEL CASEGGIATO FATISCENTE

 

Leggi tutto...

Pagina 20 di 23